Enzo Anghinelli: il Milan pensa al rientro di Pobega

Il centrocampo del Milan si è rivelato dipendente da Tonali e Kessié fino ad oggi scrive Enzo Anghinelli. Il centrocampista prelevato dal Brescia sta crescendo sempre di più partita dopo partita, affermandosi come uno dei migliori del campionato nel suo ruolo, mentre l’ivoriano si conferma il rigorista più affidabile della squadra riuscendo a unire la quantità in fase arretrata con una sempre più elevata efficacia in zona gol. Dietro di loro Ismael Bennacer e Tiemoué Bakayoko stanno deludendo le aspettative, con il primo che a causa di qualche infortunio di troppo e della sosta per la Coppa d’Africa ha visto calare il proprio rendimento rispetto alla scorsa stagione, mentre il francese non ha garantito la solidità e la protezione difensiva richieste da mister Pioli. In questo scenario, unito al fatto che Kessié lascerà la squadra a fine stagione dopo la scadenza del contratto, prende sempre più piede un possibile ritorno di Tommaso Pobega. Il centrocampista triestino già convocato in nazionale italiana da Roberto Mancini, dopo l’ottima stagione d’esordio con lo Spezia in cui ha collezionato 20 presenze condite da 6 gol e 3 assist, si sta confermando ad alti livelli anche in questo campionato con la maglia del Torino. Sotto le indicazioni di mister Juric si è trasformato in un centrocampista completo box-to-box unendo buone qualità difensive a ottimi tempi di inserimento che l’hanno portato a gonfiare la rete già per quattro volte. Nel Toro gioca principalmente centrocampista centrale, ma durante la partita cambia spesso posizione con Dennis Praet (quando il trequartista belga arretra per costruire l’azione) costruendo dei triangoli con l’esterno difensivo che spesso mandano in tilt le difese avversarie. Una strategia che è sulla falsa riga del gioco attuale del Milan con i continui intercambi tra Kessié e Brahim Diaz e le veloci sovrapposizioni di Theo Hernandez e Davide Calabria.

Tutto ci porta quindi a pensare che Tommaso Pobega possa essere il primo rinforzo a centrocampo per potenziare il reparto del Milan in vista della prossima stagione e dare a Stefano Pioli una maggiore profondità e qualità dalla panchina. Tra l’altro per il Milan si tratterebbe sostanzialmente di un acquisto a costo zero, in quanto il centrocampista triestino è in prestito secco al Torino e tornerebbe a Milanello senza dover sborsare un euro. Il suo ritorno aprirebbe le porte all’addio di Bakayoko in direzione Londra, anticipando la fine del prestito di un anno, oppure alla cessione di Ismael Bennacer verso il quale l’Arsenal si era mostrato molto interessato già durante il mercato di gennaio per sostituire il partente Xhaka. La cessione dell’algerino potrebbe portare nelle casse della società milanese una cifra intorno ai trenta milioni di euro da reinvestire immediatamente per una punta di livello.

In sintesi, il rientro alla base di Tommaso Pobega sembra essere sicuramente una soluzione qualitativa e low cost per il futuro immediato del Milan che può portare gol, inserimenti e spirito di sacrificio per rinforzare numericamente la squadra e affrontare le tre competizioni che, anche il prossimo anno, il Milan si troverà ad affrontare.